Intervista con l'esperta di adattamento climatico Jenny Tröltzsch

Le REACHOUT serie di interviste mirano a raccogliere opinioni più personali dai colleghi che sviluppano e applicano servizi climatici per l'adattamento urbano e lo sviluppo resiliente, ottenere maggiori informazioni sullo stato delle conoscenze, il principale discorso in corso e ottenere una visione più concreta di ciò che il loro lavoro comprende. Una sbirciatina, per così dire, dietro il gergo e le frasi palpitanti utilizzate nei documenti programmatici e nelle proposte di ricerca. Durante tutto il progetto, i membri del team completeranno una serie di interviste. Un collega ne intervisterà un altro, e il collega intervistato condurrà il successivo colloquio con il prossimo membro del team e così via. Poiché ogni membro intervista e viene intervistato in questo modo, tutti gli argomenti saranno trattati per tutta la durata di questo progetto. 

Leggi la nostra ultima intervista con Jenny Troltzsch, Senior Fellow presso Ecologic Institute ed esperto di adattamento climatico, intervistato da Eva Bon (Msc), consulente e ricercatore presso Climate Adaptation Services (CAS).

 

Ciao Jenny! Di solito ci incontriamo ogni due settimane online per discutere del REACHOUT attività che prevedono l'impegno con i nodi della città. Ci siamo anche incontrati faccia a faccia al kick-off meeting a Rotterdam nell'ottobre dello scorso anno. È stato un bel modo per conoscersi e far partire il progetto (nonostante il tipico clima olandese). Come vivi il REACHOUT progetto finora, collaborando con partner di tutta Europa, principalmente attraverso riunioni online?

Grazie Eva. Penso REACHOUT è davvero un grande progetto interdisciplinare. Mi piace molto che abbiamo la possibilità di riunire ricercatori e rappresentanti di città con background così diversi; lavorare insieme per rafforzare la resilienza climatica nelle città europee e mirare a un ulteriore miglioramento e all'uso pratico degli strumenti e dei servizi climatici. Penso che avviare un simile progetto di ricerca europeo basato sugli scambi online sia molto impegnativo. Pertanto, apprezzo molto che abbiamo avuto l'opportunità di incontrarci a Rotterdam durante la fase iniziale del progetto ed è stato anche bello incontrare di nuovo molti partner di progetto nell'ottobre 2022 per il secondo incontro di progetto a Milano. Penso che costruire relazioni personali sia importante per un progetto del genere. 😉 

Hai molta esperienza nel coinvolgere le parti interessate in progetti di ricerca scientifica. Potresti descrivere le tue esperienze e condividere alcuni degli insegnamenti principali che ne derivano?

Per noi di Ecologic Institute, coinvolgere diversi soggetti interessati nella ricerca socio-ecologica è uno dei nostri obiettivi principali. Consideriamo il nostro ruolo di mediatori nell'interfaccia scienza-politica che mira a collegare le attività di ricerca alle effettive esigenze politiche ea "tradurre" informazioni scientifiche per i responsabili politici. Pertanto, stiamo utilizzando metodi di co-creazione e transdisciplinari. In passato, ho co-creato piani di adattamento regionale con le parti interessate nell'area del Mediterraneo utilizzando una serie di seminari delle parti interessate per progettare e valutare le misure di adattamento nell'area del Mediterraneo Progetto BeWater. Inoltre, abbiamo sviluppato un processo di co-creazione nel Progetto COACC, in cui abbiamo incluso le parti interessate già nella definizione degli obiettivi di ricerca per la valutazione economica degli impatti climatici all'inizio del progetto. Per me, gli elementi essenziali dei processi di coinvolgimento di successo includono avere broker di conoscenza dedicati per guidare la collaborazione dall'inizio alla fine, essere aperti al feedback e flessibili per adattare obiettivi e processi se necessario, e avere una comunicazione regolare e soprattutto trasparente su bisogni e vincoli.

Per la coproduzione di servizi climatici insieme alle città in REACHOUT, hai definito una strategia di coproduzione con ruoli e processi diversi. Potresti spiegare un po 'la logica alla base di questo?  

Nel REACHOUT progetto, la co-creazione è un principio fondamentale per lo sviluppo e la fornitura di servizi climatici insieme alle città e ad altre parti interessate. Descrive uno sforzo congiunto nella progettazione, implementazione e gestione della ricerca. In REACHOUT usiamo la co-creazione per aumentare il dialogo tra i fornitori di servizi climatici e i rappresentanti delle città per stabilire le esigenze e le opportunità per lo sviluppo dei servizi climatici. Attraverso questo approccio collaborativo, il progetto mira a fornire servizi su misura che forniscano ai comuni, alle imprese e persino ai singoli cittadini un supporto diretto nel processo decisionale e nell'azione per il clima.

I sette REACHOUT I City Hub fungono da laboratori viventi per la co-creazione dei servizi con il governo, i cittadini e il settore privato. Fungono anche da acceleratori per un ulteriore potenziamento regionale e nazionale dell'uso di questi servizi. Gli hub rappresentano un portafoglio diversificato a livello regionale di vulnerabilità climatiche e esigenze di adattamento tra le parti interessate.

Dopo un anno di REACHOUT, come pensi che stiamo andando con il processo di co-creazione e coinvolgendo i City Hub REACHOUT?

Durante il primo anno del progetto, abbiamo gettato le basi per l'approccio di co-creazione nei City Hub. I City Hub hanno selezionato i primi strumenti per il clima. Gli sviluppatori di strumenti hanno iniziato a lavorare sui servizi climatici e dialogano regolarmente con i City Hub. Il primo round di workshop locali City Hub si è quasi concluso con successo. I workshop City Hub riuniscono le parti interessate locali per discutere le esigenze e le versioni provvisorie degli strumenti per il clima. Inoltre, il primo workshop di apprendimento cross-hub è stato ospitato con successo a Milano. Questo workshop si è concentrato sullo sviluppo di storie sul clima, che vengono utilizzate per comunicare informazioni scientifiche complesse al grande pubblico attraverso le storie. Eva, hai già menzionato le storie sul clima nel tuo colloquio.

Penso che stiamo guardando indietro a un primo anno di progetto di grande successo, avendo stabilito relazioni di lavoro e dialogo rilevanti tra gli sviluppatori di strumenti e i City Hub. Abbiamo avviato lo scambio tra i diversi City Hub, anche tramite la sala di scambio della Co-creazione. La mia impressione è che i rappresentanti della città apprezzino molto la possibilità di discutere le esperienze e imparare gli uni dagli altri. Questo scambio potrebbe ancora essere rafforzato nel progetto.

Abbiamo altri due anni su cui lavorare REACHOUT. Cosa renderà il progetto un successo per te?

Ottima domanda, Eva. Penso che per me il progetto avrebbe successo se i City Hub vedessero vantaggi nell'utilizzo degli strumenti climatici sviluppati e utilizzassero i risultati in alcune delle loro decisioni; se si stabiliscono relazioni tra i diversi City Hub, la conoscenza viene condivisa e scambiata, e alcuni contatti e scambi continuerebbero dopo la durata del progetto. Inoltre, sarebbe bello ottenere un po' di attenzione e interesse da parte delle città al di fuori del progetto REACHOUT toolkit e strumenti inclusi.

Di recente ho appreso che padroneggi molte lingue oltre al tedesco e all'inglese, essendo russo, finlandese e polacco! È impressionante! Vuoi condividere come li hai imparati e fino a che punto li usi?

Sì, sembra forse più impressionante di quello che è. 😊 Ho imparato il finlandese durante il mio anno di scambio alla Lappeenranta University of Technology in Finlandia. È una lingua piuttosto difficile, quindi sono stato molto felice di stabilire alcune conoscenze di base durante questo periodo. La mia motivazione per imparare il polacco è che la Polonia è a solo un'ora di treno da Berlino, dove vivo. Penso che sia un grande paese con persone molto cordiali e un bellissimo paesaggio. Anche la mia conoscenza scolastica del russo mi ha aiutato a iniziare. Ma sfortunatamente li uso tutti molto raramente.

Jenny, grazie per questa conversazione. Puoi dirci chi sarà la prossima persona da intervistare e cosa vorresti scoprire?

Grazie mille Eva. Mi piacerebbe molto avere maggiori informazioni dal nostro collegamento con la città per Gdynia, Ewa Janowska, Coordinatore presso la Fondazione Sendzimir di Varsavia. 

Non ancora disponibile

La storia del clima di Gdynia

Breve riassunto: una storia su Jan e Maria durante precipitazioni estreme.

Tema: Inondazioni

Utente finale: Cittadini

Link alla storia: in costruzione