Intervista a Ewa Janowska, referente della città di Gdynia e coordinatrice della Fondazione Sendzimir

Il REACHOUT serie di interviste mira a raccogliere punti di vista più personali dai colleghi che sviluppano e applicano servizi climatici per l'adattamento urbano e lo sviluppo resiliente, ottenere maggiori informazioni sullo stato delle conoscenze, il principale discorso in corso e ottenere una visione più concreta di ciò che il loro lavoro comprende. Una sbirciatina, per così dire, dietro il gergo e le frasi palpitanti utilizzate nei documenti programmatici e nelle proposte di ricerca. Durante tutto il progetto, i membri del team completeranno una serie di interviste. Un collega ne intervisterà un altro, e il collega intervistato condurrà il successivo colloquio con il prossimo membro del team e così via. Poiché ogni membro intervista e viene intervistato in questo modo, tutti gli argomenti saranno trattati per tutta la durata di questo progetto. 

Leggi la nostra ultima intervista con Ewa Janowska, Collegamento con la città di Gdynia e coordinatore della Fondazione Sendzimir a Varsavia, Polonia intervistato da Jenny Tröltzsch, Senior Fellow presso Ecologic Institute ed esperta di adattamento climatico.

Ciao Ewa, ci siamo conosciuti qualche settimana fa durante il REACHOUT Assemblea generale a Milano. Cosa hai apprezzato di più durante l'incontro? Quali sono stati i tuoi punti salienti?

Jenny, sicuramente uno dei bei momenti, è stata la nostra chiacchierata alla prima cena! È un vero peccato che ho scoperto da un colloquio con te che stavi imparando il polacco. Sarebbe stata una super opportunità per praticare la lingua.

Penso che incontrare di persona tutti i partner a Milano sia stato molto fruttuoso. E non sono stato l'unico ad avere questa impressione! Penso di aver particolarmente apprezzato le discussioni in piccoli gruppi misti durante diversi workshop. Mi hanno dato il miglior 'cibo per la mente'. Questa condivisione diretta delle esperienze ha probabilmente riunito maggiormente tutti i partecipanti. Siamo stati in grado di conoscere le sfide reciproche, ma anche i problemi specifici che ognuno deve affrontare nel processo di sviluppo di strumenti e servizi climatici. Anche se siamo così diversi, questi problemi si sono rivelati abbastanza universali. Certamente, dopo un anno di progetto, è stato prezioso osservare come vengono sviluppati gli strumenti, ci ha anche permesso di capire meglio come funzionano. Apprezzo che i funzionari siano diventati vivi, è stata una buona opportunità per fare rete!

Sei uno dei collegamenti della città all'interno del REACHOUT progetto, essendo la persona di contatto per gli hub della città e collegandoli al gruppo di ricerca. Cosa è particolarmente importante per te nella collaborazione con la città di Gdynia?

Penso che diversi aspetti siano importanti. La città di Gdynia è una delle principali autorità locali in Polonia che vede la necessità di agire in termini di adattamento della città ai cambiamenti climatici. Gdynia si pone obiettivi realistici e li realizza. Di recente hanno contato la loro impronta di carbonio come città e vogliono continuare a monitorarla, puntando presto alla neutralità climatica.

Inoltre, sono innovativi nella loro gestione. Il sindaco della città si riunisce ogni mese con una rappresentanza di funzionari per prendere decisioni immediate. Pertanto, è un onore per me poter lavorare con Gdynia.

D'altra parte, è molto interessante osservare il processo di implementazione degli strumenti per il clima all'interfaccia di molti dipartimenti comunali e potenziali utenti dello strumento, che deve adattarsi alle politiche della città e soddisfare esigenze diverse. Penso che osservare e partecipare a questo processo sia un'esperienza molto fruttuosa e interessante per il futuro.

Hai una certa esperienza lavorando all'interfaccia scienza-politica con particolare attenzione al cambiamento climatico, alla pianificazione territoriale e alle soluzioni basate sulla natura. Quali sono le principali sfide per l'attuazione delle attività di adattamento nelle città europee? Come potrebbero essere superati?

Non so se sono un esperto quando si tratta di questioni urbane a livello europeo. Penso che questa sia una buona domanda per discutere e condividere esperienze all'interno del nostro consorzio. Certamente, in Polonia, possiamo vedere due tendenze opposte quando si tratta dell'adattamento spaziale delle città ai cambiamenti climatici. I grandi agglomerati hanno funzionari sempre più istruiti che sono consapevoli che l'implementazione di soluzioni basate sulla natura è uno dei migliori strumenti per adattare una città ai cambiamenti climatici, nonché il più redditizio dal punto di vista finanziario. Per fare un esempio: a Varsavia, dove vivo, vengono costantemente piantati nuovi alberi, l'erba viene raramente falciata e si trasforma in prati urbani, le superfici impermeabili vengono spogliate e una delle sponde del fiume Vistola rimane semiselvaggia – si incontrerà uccelli rari e animali selvatici lì. Questa tendenza verde si vede anche nel numero di progetti presentati nel bilancio civico dai residenti. I funzionari e la società civile nei grandi agglomerati vanno di pari passo in questa tendenza.

Dall'altro, ci sono paesi e città minori dove, ormai da qualche anno, assistiamo a un fenomeno di peggioramento – traduciamolo letteralmente – come 'concretosis' (mal di cemento). Vecchie piazze e vicoli vengono spogliati dei loro alberi, aumentano le superfici impermeabili. Non c'è consapevolezza del fatto che NBS fornisca servizi ecosistemici, facilmente convertibili in denaro.

Le città sono anche obbligate ad adottare piani di sviluppo locale, ma questi vengono attuati con molto ritardo. Così, ad esempio, si stanno sviluppando aree che dovrebbero essere lasciate libere da infrastrutture perché si trovano in golene e, di conseguenza, il fiume (cioè la natura) diventa un pericolo per le persone ed è percepito anche come una minaccia in generale. O l'espansione urbana incontrollata, che non va bene per la mitigazione o un migliore adattamento ai cambiamenti climatici.

Quindi, credo, al centro, come sempre, c'è l'educazione. Sia del pubblico, in modo che comprenda la necessità del cambiamento, sia dei funzionari, in modo che abbiano il coraggio di innovare.

Dato che sei interessato alla comunicazione scientifica e alle mostre scientifiche già sviluppate e simili, qual è il ruolo degli strumenti e dei servizi per il clima come formato per comunicare i risultati scientifici per te? Come sono le tue esperienze su canali e formati di comunicazione interessanti rivolti ai cittadini e al pubblico in generale?

Sì, sono un appassionato di comunicazione della scienza, ho lavorato per molti anni in un science center. Gli scienziati non hanno tempo per presentare i risultati delle loro ricerche a un pubblico più ampio. Per questo, si dovrebbe essere in grado di parlare di risultati scientifici in un linguaggio semplice, per usare semplificazioni significative. Questo non viene facilmente a tutti. Inoltre, gli scienziati sono specializzati in campi molto ristretti. Quindi, la scienza ha bisogno di traduttori! Anche per inserire risultati specifici in un contesto più ampio.

Le comunicazioni scientifiche possono essere comprese e realizzate a molti livelli e attraverso molti canali, da infografiche ben ritagliate, giornalismo scientifico solido, all'arte. È anche importante coinvolgere le istituzioni che hanno contatti con il pubblico di massa, ad esempio i centri scientifici. Non so se ho il mio formato di comunicazione preferito o se ne esiste uno universale che piace di più al grande pubblico. Sono entusiasta di tutto ciò che porta le persone in modo credibile alla scienza e in particolare alla questione del cambiamento climatico.

Credo che i servizi climatici siano un formato molto importante che crescerà rapidamente! A Reachout, stiamo creando strumenti e prodotti che integrano e facilitano l'interpretazione dei dati climatici per un gruppo molto importante: decisori e funzionari. Sono loro che creano le politiche locali di adattamento urbano. Il benessere degli abitanti delle città ora e in futuro dipende dalle loro decisioni e azioni informate e coraggiose.

Oltre a strumenti rivolti a utenti molto specifici all'interno Reachout, una story map è un ottimo strumento di comunicazione che può raggiungere un pubblico più ampio. Con una storia avvincente, fornisce un modo semplice per immaginare il luogo in cui vivremo tra 20 o 30 anni. Presenta dati e previsioni climatiche in modo semplice, consegnandoli all'utente su un piatto che probabilmente non si sarebbe preso la briga di andare da solo alla fonte.

Ewa, grazie mille per aver dedicato del tempo a questa intervista. Puoi dirci chi sarà la prossima persona da intervistare e cosa vorresti scoprire da quella persona?

Grazie anche a te, il piacere è tutto mio! Rimanendo in tema di comunicazione della scienza, vorrei avere notizie Sophie van der Horst, consulente di Climate Adaptation Services, che crea mappe della storia del clima e raccoglie e visualizza i dati all'interno Reachout. Vorrei dare uno sguardo dietro le quinte del suo lavoro.

Non ancora disponibile

La storia del clima di Gdynia

Breve riassunto: una storia su Jan e Maria durante precipitazioni estreme.

Tema: Inondazioni

Utente finale: Cittadini

Link alla storia: in costruzione